Batteria auto scarica, cosa fare

Batteria auto scarica, cosa fare, come ripartire, consigli!

 

A quanti di voi è mai capitato di girare la chiave dell’ auto e di non ricevere nessun segnale? Magari proprio la mattina che sei di fretta per andare al lavoro, o peggio ancora quando stai per partire in un viaggio…

 

Se avete lasciato le luci, la radio, o qualche altro aggeggio elettrico acceso dopo aver parcheggiato l’auto, si conosce il problema la batteria è morta.

Ecco il metodo di come farla ripartire la batteria morta con i cavi:

cavi collegamento batteria auto

Prima di tutto serve un’altra auto per far ponte se la batteria dell’auto è scarica.

Accendete la vettura con batteria carica spegnendo tutte le utenze come luci e radio.

Prendete il cavo nero e collegatene un’estremità al polo negativo della batteria scarica, contraddistinto dal segno -,  e l’altra estremità al telaio della vettura scarica; nel vano motore troverete un punto dove attaccarvi. Attenzione: non attaccatevi al polo negativo della batteria scarica poiché rischierete di provocare una scintilla molto pericolosa.

Tornate alla macchina con batteria carica e tenete il motore ad un regime di 2000/2500 giri per qualche secondo. In questo modo non si avrà un passaggio troppo veloce di tensione.

Accendete la macchina con la batteria scarica e tenetela accesa con i cavi collegati per circa 10 minuti; Scollegare i cavi nell’ordine inverso rispetto a come li avete collegati.

Dopo averla accesa con i cavi viaggiate per una ventina di minuti con tutte le utenze spente per permettere all’alternatore di ricaricare la batteria.

Così facendo dovreste essere a posto ma se capita che alla successiva accensione la macchina non ne vuole sapere di partire oppure bisogna insistere tanto perché si accenda è consigliata una visita da un’elettrauto poiché potrebbe esserci una dispersione di corrente o un problema simile, oppure basta più semplicemente acquistare una batteria nuova ma prima è meglio capire la causa del problema.

Nel caso in cui la vettura non si accenda nemmeno con i cavi attaccati alla batteria sana di un’altra auto, la batteria della vostra vettura è definitivamente partita e vi toccherà chiamare l’elettrauto e cambiarla.

E se non hai i cavi?  Prova l’accensione a spinta.

Questo metodo si può applicare solamente a vetture con il cambio meccanico però e non se l’auto con batteria scarica è dotata di cambio automatico.

Spegnete tutte le utenze: luci, radio, tergicristalli.

Girate la chiave d’accensione.

Premete la frizione ed inserite la seconda o la terza marcia: la macchina sarà meno frenata.

Controllate di non aver il freno a mano tirato e non toccate i freni.

Fatevi spingere o spingete la vettura.

Dopo che la vettura avrà preso abbastanza velocità, mollate la frizione e in contemporanea premete leggermente il pedale del gas.

La vettura dovrebbe accendersi senza tanti problemi a meno che non si sia ingolfata.

Vi ricordiamo però che l’accensione di una vettura a spinta potrebbe danneggiare gravemente (fino a doverlo sostituire) il catalizzatore: tenete quindi quest’operazione come ultima spiaggia se non avete alternative!

Molto importante è tenere sotto controllo la carica della batteria, basta ogni volta che fate il pieno del liquido lavavetri oppure almeno una volta ogni 6 mesi.

Per fare questo basta utilizzare un semplice tester da elettricista e, dopo averlo tarato nel giusto voltaggio (12 volt in corrente continua) a macchina spenta collegarlo ai poli della batteria facendo attenzione a collegarlo nel verso giusto. In quelli analogici basta che la lancetta sia nella zona verde o comunque nella parte alta della scala mentre in quelli digitali basta che il numero mostrato sullo schermo sia molto prossimo ai 12 volt.

E’ raccomandato poi cambiare la batteria della propria auto ogni 5/6 anni poiché tendono a perdere la loro capacità di mantenere la carica ed impiegano più tempo per caricarsi mediante l’alternatore.

La batteria dell’auto può risultare scarica anche in una notte, o in inverno per il freddo o in estate per il caldo e questo potrebbe capitare anche se non si usa la vettura per molto tempo sia perché resta ferma per molto tempo oppure perché auto storica.

Altra cosa da non dimenticarsi è quella di lasciare i fari accesi a vettura spenta oppure di ascoltare per un periodo di tempo troppo prolungato la radio a vettura spenta poiché si scaricherebbe in fretta la batteria.

All’accensione della vettura è consigliato aspettare che si spengano le spie dal quadro strumenti prima di procedere all’accensione della vettura per evitare di rovinare il motorino d’accensione e la batteria stessa.
La vita di una batteria auto è generalmente di tre anni ma questo dipende dall’utilizzo della vettura perché per alcune possono passare anche cinque anni o più prima di cambiarla.

Meglio un occhio di riguardo prima, che trovarti con una batteria auto morta!

 

Aperti il mese di agosto
PREVIOUS POST
Cellulare alla guida, ritiro patente subito fino a 6 mesi
NEXT POST